News

Microsoft firma un contratto con l’esercito degli Stati Uniti e gli fornirà 120.000 HoloLens

Presto soldati americani equipaggiati con HoloLens a terra? In ogni caso, questo è ciò che dice la CNBC. Il sito indica che Microsoft e l’esercito americano hanno firmato un grosso contratto per dieci anni. Stabilisce che Microsoft fornirà quasi 120.000 caschi ai militari.

L’accordo vale 21,88 miliardi di dollari , secondo un portavoce dell’esercito americano. Una somma colossale che consente a Microsoft di conquistare la fiducia degli investitori, le sue azioni sono aumentate dell’1,7% dopo l’annuncio.

L’idea per i militari è di utilizzare l’auricolare di Microsoft, ma anche la sua tecnologia di realtà mista da sola. L’azienda di Redmon ha già firmato un contratto da 479 milioni di dollari con l’esercito degli Stati Uniti nel 2018 per lavorare su un prototipo derivato chiamato IVAS (Integrated Visual Augmentation System). Già testato dai soldati, questo casco permette di visualizzare davanti ai suoi occhi una mappa, una bussola, un’immagine termica o di indicare la posizione evidenziata dei suoi compagni, allo stesso modo dell’ATH in un gioco di guerra . Siamo lontani dal gadget, poiché queste preziose informazioni aggiornate in tempo reale possono fornire un indubbio vantaggio sul campo.

MICROSOFT HA GIÀ UNA PARTNERSHIP CON IL PENTAGONO

Questo contratto consentirà quindi a questa partnership di continuare. Come promemoria, Microsoft ha presentato HoloLens nel 2015 , quindi una seconda versione di maggior successo nel 2019. Anche questo auricolare continuerà ad evolversi nella sua versione “civile”, ad esempio con l’integrazione di Mesh che consente di organizzare riunioni virtuali tramite ologrammi. Da notare che l’azienda è abituata a contratti con lo stato americano: aveva già siglato una partnership con il Pentagono per l’utilizzo del suo cloud Azure per 10 miliardi di dollari.

La guerra del futuro sarà quindi tecnologica e la realtà mista potrebbe giocare un ruolo importante in essa. Anche Microsoft era stata individuata nel 2018 dopo la firma del primo contratto e alcuni dipendenti si erano ribellati vedendo la loro tecnologia utilizzata per scopi bellici. Accuse ignorate da Satya Nadella , che ha indicato che queste tecnologie sarebbero state utilizzate soprattutto per difendere la libertà. Una risposta molto americana.

Fonte: CNBC

Back to top button