HardwareNewsPCWindows

AMD: i processori Ryzen 5000 sarebbero vulnerabili agli attacchi Spectre

3 anni fa, molti processori Intel soffrivano del buco di sicurezza Spectre che preoccupava gli esperti di sicurezza . Intel non è stata in definitiva l’unica interessata, dal momento che alla fine anche i processori AMD sono stati colpiti .

Oggi, i processori Ryzen 5000 di AMD che utilizzano l’architettura Zen 3 soffrono di un difetto di sicurezza simile a Spectre , come spiega AMD in un documento. Pensavamo che questo tipo di problema non si sarebbe ripetuto, poiché i produttori avevano provveduto alle nuove generazioni per evitarli.

https://cybeout.com/2019/02/spectre-nessuna-correzione-del-software-lo-risolvera-secondo-i-ricercatori-di-google/

I RYZEN 5000 NON SONO IMMUNI ALLE VULNERABILITÀ DELLA SICUREZZA

Con Zen 3, AMD ha introdotto una nuova tecnologia chiamata Predictive Store Forwarding (PSF) . Si tratta di un’ottimizzazione della microarchitettura basata su hardware progettata per migliorare le prestazioni di esecuzione del codice prevedendo le interazioni tra carichi e salvataggi. Nella maggior parte dei casi, le previsioni di PSF sono corrette. Tuttavia, c’è sempre una minima possibilità che la previsione non sia esatta, il che provocherà la creazione di vulnerabilità sfruttabili .

Per dirla semplicemente, l’implementazione di Predictive Store Forwarding (PSF) porta ancora una volta a vulnerabilità Spectre v1, v2 e v4, che darebbero agli hacker l’opportunità di attaccare la tua macchina . Finora, il produttore di chip non ha rilevato alcun attacco di questo tipo e afferma che il rischio è basso per la maggior parte delle applicazioni.

È possibile disabilitare questa ottimizzazione con una serie di correzioni Linux rilasciate dal produttore, ma così facendo si verificherà un calo delle prestazioni che secondo AMD non ne vale la pena. Secondo i nostri colleghi di Phoronix, l’impatto sulle prestazioni sarebbe minimo, poiché sarebbe dell’ordine dell’1% di penalità . Sebbene AMD abbia presentato Ryzen 5000 come i migliori processori al mondo, questa non è la prima volta che la generazione Zen 3 è stata al centro di una controversia. Sappiamo infatti che molti chip sarebbero difettosi una volta usciti dalla fabbrica .

Fonte: AMD

Back to top button