AndroidiOSMobileNews

Instagram vieta agli adulti di inviare messaggi ai minori

“Per proteggere gli adolescenti dal contatto indesiderato con gli adulti, stiamo introducendo una nuova funzionalità che impedisce agli adulti di inviare messaggi a persone di età inferiore ai 18 anni che non li seguono” annuncia Instagram in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web il 16 marzo 2021.

In concreto, un adulto che desidera inviare un DM (messaggi diretti) a un minore riceverà una notifica che indica che l’opzione non è disponibile . Ovviamente sarà sempre possibile per i membri di una famiglia dialogare insieme. Sarà quindi sufficiente che il minore segua il racconto dei suoi genitori, per esempio.

Messenger Kids si espande in oltre 70 nuovi paesi, aggiunge nuove funzionalità(Si apre in una nuova scheda del browser)

INSTAGRAM INCORAGGIA I MINORI A MANTENERE PRIVATI ​​I PROPRI ACCOUNT

Per identificare gli account Instagram aperti da utenti Internet di età inferiore ai 18 anni e gli account detenuti da adulti, Instagram spiega che si basa sull’intelligenza artificiale drogata con l’apprendimento automatico (machine learning). L’apprendimento automatico è una tecnologia che consente ai computer di apprendere senza dover essere programmati in anticipo. L’intelligenza artificiale si evolve così sulle sue esperienze senza azione da parte di un programmatore.

Non è tutto. Instagram incoraggerà anche gli adolescenti a mantenere privati ​​i propri account per proteggersi da possibili predatori. “Il nostro obiettivo è incoraggiare i giovani a optare per un account privato” riassume Instagram. Regolarmente, il social network dettaglia i vantaggi di un account privato inviando notifiche agli utenti di età inferiore ai 18 anni.

Allo stesso modo, Instagram invierà regolarmente raccomandazioni di sicurezza ai più giovani. Se il social network nota che un adulto che ha mostrato un comportamento sospetto sta parlando con un adolescente, verrà inviata una notifica al minore. “Se un adulto invia un gran numero di richieste di amicizia o messaggi a persone di età inferiore ai 18 anni, avviseremo i destinatari”, afferma l’azienda californiana.

Back to top button