ConsoleNewsPlaystationXbox

PS5, Xbox Series X: Joe Biden avvia un’indagine sulla carenza di componenti

Joe Biden vuole risposte. La pandemia Covid-19 ha esacerbato la carenza di semiconduttori , che ha portato a difficoltà di produzione di prodotti tecnologici. Possiamo vederlo in particolare attraverso le difficoltà di fornire nuove console o schede grafiche , ma la preoccupazione va ben oltre e interessa molti settori, come l’automobile, la telefonia o gli armamenti.

Joe Biden vuole trovare soluzioni e ha firmato un ordine esecutivo che lancia un’indagine federale di 100 giorni sulla questione. L’obiettivo qui è analizzare le catene di produzione e individuare i problemi logistici al fine di risolverli.

APPLE, SONY, QUALCOMM O AMD CHIEDONO AIUTO

Il presidente americano ha avviato questa indagine dopo un appello collettivo di grandi aziende, non necessariamente americane, tra cui Apple, Sony, AMD e Qualcomm. L’idea è di evitare eventuali carenze per il consumatore americano, sia oggi che negli anni a venire. Gli Stati Uniti vogliono essere preparati in caso di una nuova pandemia e per la sfida del cambiamento climatico.

I semiconduttori non sono riservati ai prodotti di consumo, poiché vengono utilizzati anche in vari settori come la sanità, i trasporti o anche gli armamenti. Per il momento il decreto fa riferimento solo a un’indagine per determinare i problemi, ma questo potrebbe portare a decisioni forti, come l’apertura di nuove fabbriche di semiconduttori sul suolo americano, al fine di garantire determinate produzioni e creare posti di lavoro. Il decreto di Joe Biden mira anche ad analizzare altri settori, come l’industria automobilistica (in particolare per quanto riguarda le batterie) e l’industria alimentare.

Come promemoria, è ancora difficile oggi trovare alcuni prodotti tecnologici. Possiamo citare le schede grafiche RTX 30XX, costantemente esaurite dal loro rilascio, ma anche le console di gioco PS5 e Xbox Series X. Una situazione di carenza che dovrebbe durare almeno fino alla seconda metà del 2021, secondo il società stessa ammissione di Sony.

Back to top button