Home News HarmonyOS: l'alternativa di Huawei è una semplice copia di Android

HarmonyOS: l’alternativa di Huawei è una semplice copia di Android

A dicembre 2020, Huawei ha lanciato la prima versione beta di HarmonyOS , la sua alternativa interna ad Android, su una manciata di smartphone e tablet recenti. Privato di una licenza Android a seguito delle sanzioni statunitensi, il gruppo cinese ha accelerato lo sviluppo del proprio sistema operativo negli ultimi mesi. Secondo le ultime notizie, Huawei offrirebbe HarmonyOS sul P50 , la sua futura ammiraglia. In effetti, la versione internazionale dello smartphone incorporerebbe sia HarmonyOS che Android.

Secondo Wang Chenglu, presidente della sezione ingegneria del software di Huawei, HarmonyOS non è una semplice copia di Android . Richard Yu, CEO della divisione mobile del gruppo cinese, ha più volte affermato che il sistema operativo è molto diverso da Android. Eppure ci sono molte somiglianze nel codice del sistema operativo, affermano i nostri colleghi di Ars Technica. Dopo aver installato l’emulatore HarmonyOS, i media affermano che HarmonyOS è solo un fork di Android 10 . L’articolo confronta l’interfaccia di Huawei con Fire OS, un fork del sistema operativo mobile Android sviluppato da Amazon per Fire TV.

HUAWEI HA APPENA COPIATO IL CODICE DA ANDROID

Per progettare il sistema operativo modulare, gli sviluppatori Huawei avrebbero semplicemente copiato le righe di codice presenti nella versione open source di Android. Legalmente, nulla impedisce a Huawei (oa qualsiasi azienda) di appropriarsi del codice del sistema operativo e di offrire la propria versione.

In definitiva, l’interfaccia sembra EMUI, l’overlay di Android sviluppato dal gruppo cinese. Per Ars Technica, Huawei ha semplicemente sostituito la parola “Android” con “HarmonyOS”. Huawei “presenta una copia esatta della skin Android EMUI” , ha detto l’outlet. Scavando tra le “informazioni sull’applicazione” , troviamo addirittura più volte la menzione di Android. “Dopo ore di ricerca su HarmonyOS, non sono riuscito a trovare un singolo cambiamento sostanziale da Android” sottolinea Ars Technica.

Il kit di sviluppo (SDK) del sistema operativo (chiamato DevEco Studio), offerto agli sviluppatori per sviluppare le loro applicazioni, sarebbe addirittura identico ad Android Studio , il kit di Google. Ci sarebbero esattamente gli stessi componenti.

HARMONYOS OFFRE LA STESSA NAVIGAZIONE GESTUALE DI ANDROID 10

Huawei ha “copiato perfettamente ogni funzionalità di Android 10”, continua l’articolo. Il sistema operativo cinese include tutta la navigazione gestuale sviluppata da Google. Inaugurato nel 2019 con Android 10 , la navigazione gestuale salta la tradizionale barra di navigazione Android. Scorri verso l’alto per tornare alla schermata Home. Per tornare indietro, devi solo scorrere lo schermo da un angolo. Va notato che questi gesti di navigazione sono stati offerti su EMUI (e altri overlay Android) prima che Google li integrasse nel suo sistema operativo.

Infine, Ars Technica osserva che la beta di HarmonyOS è ” troppo completa” per una versione di prova. Secondo i media, non è concepibile che gli sviluppatori del gruppo abbiano sviluppato un sistema operativo così completo senza fare affidamento su Android. Questo approccio consente a Huawei di spingere la sua forcella nel più breve tempo possibile. Grazie alle somiglianze condivise dai due OS, Huawei può migrare facilmente i suoi smartphone su HarmonyOS. Inoltre, tutti gli smartphone già compatibili con EMUI 11 potranno installare HarmonyOS quando verrà distribuito in tutto il mondo.

D’altra parte, la vicinanza di Harmony OS ad Android suggerisce che Huawei dipenderà da Google per sviluppare nuove funzionalità , specifica il supporto. Allo stesso modo, il gruppo cinese dovrà affidarsi a Google per integrare correzioni e patch di sicurezza.

Come promemoria, Huawei prevede che HarmonyOS verrà installato su 200 milioni di dispositivi in ​​tutto il mondo entro la fine di quest’anno, inclusi 100 milioni di dispositivi progettati da altri marchi . Grazie al suo sistema operativo interno, il produttore cinese spera di arginare il crollo delle vendite di smartphone. Privato dei servizi mobili di Google dal 2019, il produttore non ha altra scelta che scommettere tutto sulla sua soluzione interna.

3,099FansLike
26FollowersFollow

Altre news