Home iOS Apple accusato di ospitare giochi d'azzardo illegali sull'App Store

Apple accusato di ospitare giochi d’azzardo illegali sull’App Store

Probabilmente lo sai: Apple guadagna una commissione su ogni acquisto effettuato dall’App Store o da un’app. Compri un’app. Sblocchi un’opzione a pagamento. Compri “rubini” per scambiarli con oggetti di gioco e sottoscrivi un abbonamento sportivo. Ogni volta che spendi un dollaro su un iPhone o iPad, Apple guadagna una commissione. Ammonta, salvo alcune eccezioni, al 30% delle somme versate. Nota che Google addebita la stessa percentuale di Apple per le sue commissioni .

Comunemente chiamata “Apple Tax” da questi detrattori, questa commissione è uno dei punti chiave dell’attuale redditività dell’azienda, ma anche del suo futuro. In effetti, le vendite di iPhone stanno raggiungendo un tetto che è diventato difficile da superare. E servizi, come App Store, Apple Music, Apple Pay, Apple TV + o il recentissimo Fitness + lanciato con l’Apple Watch Series 6 , consentiranno all’azienda di continuare a generare ricavi confortevoli.

APPLE HA ACCUSATO DI INTERESSARSI AD ATTIVITÀ ILLEGALI

La tassa Apple è stata ampiamente discussa lo scorso anno durante l’affare “Fortnite” . Come promemoria, Epic Games, il creatore di Fortnite, voleva integrare un negozio che aggirasse il sistema di pagamento di Apple. Il che è ovviamente vietato dalle condizioni generali dell’App Store. In seguito alla creazione di questo negozio, Apple ha rimosso Fortnite e tutte le applicazioni Epic dall’App Store . Successivamente, il Congresso degli Stati Uniti ha aperto un’indagine sulla legalità di questa pratica . È ancora in corso.

Sei mesi dopo, la commissione è stata attaccata da un’altra angolazione: quella del gioco d’azzardo. È stata infatti presentata una denuncia contro Apple presso il tribunale della California per essersi interessata ad attività illegali, racket e recupero crediti abusivo . In effetti, le slot machine sono vietate in California. È possibile possedere una slot machine, se è “antiquata” (cioè più di 25 anni), ma è vietato utilizzarla per scommettere denaro.

LE SLOT SULL’APP STORE FUNZIONANO CON DOLLARI REALI

Su App Store puoi trovare tutti i tipi di giochi (alcuni sono nati addirittura su App Store prima di diventare generi molto popolari), incluse le slot virtuali . Queste app consentono ai giocatori di acquistare gettoni e spenderli per guadagnare più gettoni. Nota che questi non sono “casinò” in senso stretto, poiché non è possibile trasformare le fiches vincenti in credito. Traduci: questo non è un gioco per scommettere denaro .

Tuttavia, la denuncia afferma che queste applicazioni sono giochi d’azzardo. Perché, per giocarci, devi acquistare i gettoni virtuali. I due querelanti, due giocatori compulsivi, hanno speso ciascuno più di $ 15.000 in slot machine virtuali . Accusano Apple di facilitare l’accesso a giochi che possono causare dipendenza. Lo accusano anche di approfittare di questa situazione, poiché l’azienda riceve una commissione del 30% su ogni acquisto in-app effettuato. Secondo l’avvocato dell’attore, nel 2020 sono stati spesi 6 miliardi di dollari in casinò virtuali di questo tipo (sicuramente una buona parte su App Store).

UNA PRATICA SIMILE AI BOTTINI DEI VIDEOGIOCHI

Ovviamente, le slot machine virtuali qui menzionate non sono giochi d’azzardo in senso stretto, ma giochi d’azzardo. Sì, stai scommettendo che vincerai fiches aggiuntive. Ma non puoi trasformare quelle fiches in vincite, a differenza delle vere slot che trovi a Las Vegas, per esempio. In questo caso, potrebbe esserci dipendenza dal gioco, ma la responsabilità delle perdite sembra ricadere sul giocatore, anche se Apple avrebbe potuto mettere in atto strumenti per proteggere gli utenti da questo comportamento .

Questa meccanica di gioco ci ricorda soprattutto le estrazioni di tipo Gatcha e le casse del bottino . Come promemoria, i Loot Box sono pacchetti con cui ottieni oggetti virtuali per un gioco: personaggi, pezzi di equipaggiamento, materiali di miglioramento, ecc. Il contenuto è generalmente casuale. Nel 2017, questa pratica ha causato polemiche. Durante l’anno successivo, Electronic Arts e Activision hanno annunciato l’abbandono di questa pratica in Star Wars Battlefront 2 , Destiny 2 e Call of Duty Modern Warfare. E alcuni paesi, come il Belgio, li hanno vietati . La pratica è ancora molto importante nei giochi mobili.

3,100FansLike
26FollowersFollow

Altre news