mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Android Recensione Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G: qualità ad alto prezzo

Recensione Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G: qualità ad alto prezzo

Reading Time: 11 minutes
- Advertisement -

Uno schermo di 6,9 pollici, bordi curvi su entrambi i lati, un modulo fotografico sul retro che alcune persone paragonano a un piano cottura … Se il Galaxy Note 20 Ultra ti ricorda qualcosa in Samsung , non è un caso: 6 mesi fa, il produttore sudcoreano stava già rilasciando uno smartphone simile, il Galaxy S20 Ultra. Il confronto tra i due dispositivi non finisce qui, visto che i due smartphone condividono anche lo stesso processore e le stesse capacità fotografiche (con un piccolo dettaglio, torneremo su questo). Ma allora, perché rilasciare uno smartphone con così tante somiglianze a pochi mesi di distanza?

Come vedremo, se il Note 20 Ultra è abbastanza vicino all’S20 Ultra , si distingue su diversi punti. Da un lato, perché viene fornito con uno stilo (da cui il nome Note, avresti indovinato). Ma anche perché il suo design differisce in più di un modo da quello dell’S20 . O perché neanche la sua batteria è la stessa. Infine, perché uno dei suoi sensori fotografici posteriori cambia rispetto all’S20 Ultra, proprio come il suo sensore anteriore.

Ne vale davvero la pena tutte queste differenze? Abbiamo testato il nuovo Note 20 Ultra e ci prepariamo, perché alla fine c’è molto di più da dire di quanto pensassimo. Dai, andiamo a fare il test completo della nuova ammiraglia degli smartphone Samsung!

Prezzo e disponibilità

Commercializzato ad un prezzo di 1309 euro per la versione da 256 GB e 1409 euro per l’edizione da 512 GB, il Galaxy Note 20 Ultra è disponibile in 3 colorazioni: Mystic Bronze, Mystic White e Mystic Black.

Il nuovo smartphone di Samsung è disponibile dal 21 agosto 2020. È possibile preordinarlo fino al 20 agosto compreso (non c’è molto tempo a disposizione) e beneficiare allo stesso prezzo di un piccolo “bonus” tra i seguenti due:

  • 3 mesi di accesso a Xbox Game Pass Ultimate, più controller wireless PowerA Moga XP5-X Plus e caricabatterie wireless
  • Un paio di cuffie Galaxy Buds Live

Note 20 sarà ufficialmente disponibile dal 21 agosto.

Scheda tecnica: Galaxy Note 20 Ultra vs Galaxy S20 Ultra

 Galaxy Note 20 UltraGalaxy S20 Ultra
Dimensioni164,8 x 77,2 x 8,1 mm166,9 x 76 x 8,8 mm
Peso208 grammi220 grammi
Visualizzazione6,9 “(19,3: 9, 120 Hz)6,9 “(20: 9, 120 Hz)
ProcessoreExynos 990 (7nm)Exynos 990 (7nm)
Memoria12 GB12/16 GB
Conservazione256 GB / 512 GB128 GB / 512 GB
Secondo slotSIM o microSDSIM o microSD
Tamburi4500 mAh5000 mAh
Ricarica senza filiSì, 15 W.Sì, 15 W.
Sensori fotografici posteriori108 MP (f1.8), + 12 MP (f3.0, zoom ottico 5x) + 12 MP (f2.2)108 MP (f / 1.8), + 48 MP (f / 3.5, zoom ottico 4x) + 12 MP (f / 2.2), TO 3D (f / 1.0)

Design

Con il suo schermo da 6,9 ″, il Galaxy Note 20 Utra arriva direttamente nella grande scatola degli smartphone Monopoly, senza passare dal quadrato. E i suoi bordi curvi a sinistra come a destra non cambiano la situazione. Rispetto al Galaxy Note 10+ rilasciato lo scorso anno nello stesso periodo, le dimensioni dello schermo sono aumentate di 0,1 ″. Anche il suo peso e le sue dimensioni stanno aumentando, poiché il dispositivo ora supera la soglia dei 220 grammi (contro i 196 g del Note 10+) e passa da 16,23 a 16,69 cm di altezza. In breve, questo Note 20 Ultra è un modello XXL in tutti i sensi e non gioca davvero nello stesso campo del Note 10+ dello scorso anno, che indossava il modello premium della gamma.

In termini di design, troviamo gli stessi bordi curvi di quelli del Note 10+, su entrambi i lati dello schermo. Troviamo anche gli stessi angoli più nitidi (più “squadrati” qualcuno direbbe) di quelli dell’S20 Ultra e che ci ricordano che il Note 20 Ultra è un dispositivo che funge anche da mini-tablet per uso professionale.

Sul fronte è ancora presente il pugno che accoglie il sensore selfie. Come la versione precedente di Note, si trova nella parte superiore ea metà strada tra i bordi sinistro e destro dello schermo. Come sui modelli precedenti (dall’S10), il dispositivo beneficia di un sensore di impronte digitali alloggiato sullo schermo e basato su tecnologia ad ultrasuoni. Il dispositivo riconosce perfettamente il suo utente, anche se sembra aver perso velocità rispetto all’S20, il cui sblocco è immediato o quasi.

La periferia del dispositivo è in alluminio. Il bordo destro del dispositivo ospita il controllo del volume e i pulsanti di accensione. Nella parte superiore troviamo la porta per SIM e schede microSD, mentre sul bordo inferiore del Note 20 Ultra sfruttiamo la porta USB-C, lo speaker e il piccolo slot dedicato allo stilo. Notare per inciso che la posizione di questi ultimi due è cambiata, poiché sono passati da destra (sul Note 10+) a sinistra (sul Note 20 Ultra). Le ragioni di questo cambiamento sono sconosciute, ma come mancino, questo cambiamento mi andava piuttosto bene. Un cambiamento portato a scapito della destra, quindi? Anche i destrimani a cui è stato affidato lo smartphone non sono stati infastiditi, quindi ognuno trova il proprio account.

Infine, tieni presente che la porta jack risponde sempre agli abbonati assenti, come ora accade su tutti gli smartphone Samsung di fascia alta dal Note 10.

Il retro del dispositivo, protetto da uno strato di Gorilla Glass Victus , è dotato di un ampio modulo per sensori fotografici e flash. E quando diciamo conseguente, capiamo da questo che è uno dei dispositivi più imponenti che abbiamo avuto tra le mani fino ad oggi, sia in larghezza che in altezza, ma anche e soprattutto in spessore. Ricorda anche l’Huawei P40 Pro + , che ci aveva già sorpreso per il suo volume (e le sue dimensioni!).

Per concludere, una parola infine sul colore del modello che abbiamo ricevuto per iscritto. Intitolato Mystic Bronze, questo è molto bello, come avevamo già visto durante la nostra manipolazione del Note 20 Ultra nei locali di Samsung.

Uno schermo che si adatta alle tue esigenze

Se lo schermo da 6,9 ″ del Galaxy Note 20 Ultra offre una definizione di 3088 x 1440 pixel, il dispositivo beneficia principalmente di un display a 120 Hz. Ricorda che questa tecnologia offre una maggiore fluidità nello scorrimento delle pagine, riprodurre video e, naturalmente, giochi. E se il passaggio da 60 a 90 Hz è stato moderatamente evidente, il passaggio a 120 Hz ha perfettamente senso. Il display è infatti molto più comodo per gli occhi quotidianamente, tanto che diventa difficile tornare indietro dopo averlo assaggiato.

Questo tipo di aggiornamento non è nuovo per il produttore, poiché la gamma S20 ne ha già beneficiato. Ma Samsung ha imparato dai suoi errori e ha deciso di rielaborare il supporto per questa tecnologia. Perché sull’S20, non appena abbiamo attivato la modalità 120 Hz, l’autonomia è calata di diverse ore (abbiamo perso in media 3 ore di batteria). Come possiamo ridurre i consumi in tali condizioni? Samsung ha ovviamente trovato una soluzione adattando il frame rate all’applicazione in uso. Il sistema “alza” la frequenza quando si rivela utile, con uno spettro che va da 10 a 120 Hz. Cosa ridurre il consumo energetico del dispositivo, pur sfruttando i vantaggi legati ad una frequenza di aggiornamento superiore a abituale, ma solo quando il sistema lo ritenga necessario. Non è invece possibile “congelare” la frequenza a 120 Hz, come invece avveniva sull’S20. È ancora possibile farlo a 60 Hz.

Anche nell’ottica del risparmio energetico, il Note 20 è configurato di default per visualizzare un’immagine a 2316 x 1080 pixel (FHD +). È possibile arrivare fino alla definizione massima di 3088 x 1400 pixel (WQHD +) tramite le impostazioni di visualizzazione dello smartphone. Ma in questo caso, perdiamo la frequenza a 120 Hz, e dobbiamo quindi accontentarci di 60 Hz.

Alla fine, nonostante alcune restrizioni software, abbiamo uno schermo bellissimo. I colori e il contrasto sono completamente bilanciati, mentre la modalità 120 Hz offre una sensazione di comfort visivo senza pari. Da parte nostra, abbiamo preferito aumentare leggermente la luminosità piuttosto che affidarci alla modalità automatica, ma questa è solo una questione di gusti.

Audio: non male, ma potrebbe fare di meglio

Come accennato in precedenza, e dobbiamo essere sinceri, il jack ci ha salutato (era già il caso del Note 10). È quindi consigliabile affidarsi a un adattatore Jack / USB-C. Sebbene non sia fornito, lo smartphone viene fornito con cuffie USB-C cablate AKG, che hanno un controller del volume situato sul cavo. Queste stesse cuffie sono dotate di 3 paia di auricolari e suonano in modo relativamente decente, anche se mancano di bassi.

Il Note 20 è inoltre dotato di due altoparlanti: uno si trova sul bordo superiore dello schermo, mentre l’altro è alloggiato sul bordo inferiore del dispositivo, vicino all’alloggiamento per riporre il stilo. Anche in questo caso, anche se il suono emesso è piuttosto ben fatto e devi davvero spingere il volume al massimo per percepire una saturazione, i bassi non sono davvero presenti. Il punto positivo è che il dispositivo offre un suono stereo “reale”, a differenza di un P40 Pro +, ad esempio, che appare a un prezzo simile, ma a cui manca.

Spettacoli

Mentre alcuni si aspettavano che Samsung standardizzasse i suoi SoC indipendentemente dalla regione di marketing, il marchio sudcoreano alla fine non ha cambiato nulla nella sua politica di vendita. Gli Stati Uniti beneficiano di uno Snapdragon 865, mentre il resto del mondo beneficia di un Exynos 990. Una configurazione identica a quella della gamma Galaxy S20, insomma. Anche se il miglioramento delle prestazioni non è evidente in tutte le attività quotidiane, i benchmark dimostrano che esiste ancora un piccolo divario relativo tra i due SoC. Poiché le vendite dell’S20 chiaramente non ci sono, Samsung potrebbe ancora avere un grande stock di Exynos 990 da vendere … processore che si trova quindi nei due Note 20.

Senza raggiungere le prestazioni di uno Snapdragon 865, l’Exynos 990 di Samsung offre nonostante ottimi risultati. I benchmark che abbiamo effettuato utilizzando 3DMark e Geekbench mostrano che il suo SoC eguaglia, o addirittura supera in alcuni casi, un Kirin 990. È questo processore che si trova in particolare su tutta la gamma di Huawei P40s, tranne il modello Lite. D’altronde, e avevamo già visto il fenomeno con l’S20s: il dispositivo si scalda quando il processore viene utilizzato eccessivamente. E sentiamo chiaramente gli effetti di questo riscaldatore, forse a causa del materiale utilizzato sul retro del dispositivo (il famoso Gorilla Glass Victus).

In termini di capacità di archiviazione, ci sono due edizioni in Francia: una dotata di 256 GB e l’altra di 512 GB. Entrambe hanno 12 GB di RAM, che è più che sufficiente per lavorare, giocare, apri tonnellate di app contemporaneamente ecc.

Godendo di una connessione Wi-Fi 6, come tutti i modelli di fascia alta di Samsung da quasi 2 anni, il Note 20 Ultra è anche compatibile con lo standard 5G. Notare di sfuggita che è disponibile solo in questa versione, a differenza del Note 20, che può essere acquisito a volte in versione 4G, a volte 5G.

Uno smartphone per i giochi, è sicuro?

Mentre la maggior parte dei produttori ora ha un telefono destinato a più giocatori nel proprio catalogo (Asus con il suo Rog Phone 3, Xiaomi con i suoi Black Sharks, ecc.), Questo non era ancora il caso di Samsung. Il produttore ha quindi trovato nei suoi Note 20 e Note 20 Ultra due potenziali candidati per svolgere questa funzione. La gamma Note, fino ad ora dedicata principalmente al mondo professionale, ha quindi fatto il salto e si rivolge ai videogiocatori.

Per l’occasione Samsung ha unito le forze con due partner scelti. Come parte del preordine, il produttore fornisce un controller adatto per i giochi mobili e che ricorda il joystick di Xbox One. Progettato dal produttore PowerA, il Moga XP5-X Plus è accoppiato in Bluetooth con lo smartphone. Il controller ha un piccolo braccio regolabile che permette di riporre lo smartphone. Se il regolatore sembra un po ‘”economico”. Si noti che è possibile pre-ordinare il manico separatamente ad un prezzo di 74.99 € (un po ‘più costoso di un Xbox One standard), con consegna prevista a partire dal 1 ° ottobre.

Sempre durante il periodo di preordine, Samsung ha anche stretto una partnership con Microsoft e il suo servizio xCloud, che consente di trasmettere in streaming oltre cento titoli. Titoli che in realtà sono dal catalogo Xbox One e accessibili all’interno dell’offerta Xbox Game Pass Ultimate (12,99 € / mese, il primo mese costa solo 1 €). Preordinando il dispositivo, ottieni tre mesi di accesso gratuito al servizio Microsoft. Ci auguriamo che Samsung e Microsoft estendano l’operazione a chi ha scelto di non preordinare il dispositivo e preferisce acquistarlo un po ‘più tardi. Perché l’offerta è piuttosto rilevante per coloro che desiderano provare lo streaming su Android.

Ed è qui che ha senso il posizionamento di “smartphone del giocatore”. Perché invece di scommettere su un SoC sopraffatto come uno Snapdragon 865 o 865+, Samsung si è rivolta allo streaming

Non abbiamo ancora avuto l’opportunità di testare a fondo il controller Moga. Abbiamo semplicemente potuto prenderlo in mano per qualche minuto con uno smartphone senza connessione e senza nessun gioco installato, durante una sessione organizzata in Samsung qualche settimana fa. Tuttavia, il servizio xCloud di Microsoft è già disponibile, quindi abbiamo avuto tutto il tempo per testare il lato gaming dello smartphone semplicemente collegandolo a un controller Xbox classico. Se l’esperienza non è ancora ottimale, soprattutto per la posizione dello smartphone rispetto al controller (devi appoggiare il dispositivo su una base piccola e non muoverti), le sensazioni e il piacere di giocare ai titoli Xbox rispondono In chiamata. Ci rammarichiamo solo che le aree di testo siano un po ‘piccole e talvolta completamente illeggibili. Per il resto,

Una grande padronanza dell’autonomia

Dotato di una batteria da 4500 mAh, 500 in meno rispetto all’S20 Ultra, il Note 20 Ultra offre comunque un’ottima autonomia. Lo abbiamo sottoposto al nostro consueto test: 1 ora di video streaming su Netflix, 1 ora di ascolto musicale su Deezer, 1 ora di utilizzo del GPS in macchina, 1 ora di gioco non in streaming, 1 ora di telefonia, web, chat, consultazione eccessiva dei messaggi… Tutto su base giornaliera. Sorpresa: il telefono riesce a durare quasi due giorni senza piangere la carestia. Funziona bene o addirittura meglio dell’S20 Utra, che ha faticato a controllare il suo consumo energetico a causa in particolare del display a 120 Hz costante.

Il dispositivo supporta la ricarica rapida. Il caricatore incluso nella confezione permette di rigonfiare completamente lo smartphone in meno di 1h10.

S Pen: il marchio Galaxy Note rimane impareggiabile

Lo stilo fornito con la gamma Galaxy Note è da sempre uno dei punti di forza degli smartphone Samsung. Iper reattivo, ergonomico e perfettamente integrato nel sistema operativo e nelle sue applicazioni, il piccolo accessorio attualmente non ha eguali, qualunque sia l’offerta concorrente. È ancora così sul Note 20 Ultra?

Lascia da parte la suspense: lo stilo di Samsung rimane il miglior modello che siamo stati in grado di testare finora. Anche meglio. Samsung ha ancora trovato un modo per migliorare la reattività della S Pen abbassandone il tempo di latenza da 42 a 9 ms. Sono presenti controlli gestuali, che permettono ad esempio di scorrere le foto, ingrandire una parte dello schermo o scattare una foto senza nemmeno dover toccare lo schermo, sempre utilizzando lo stilo. Questa nuova versione di Note ora ti consente di fare uno screenshot (sempre da remoto) o di passare alla schermata principale del dispositivo.

S Pen Galaxy Note 20 Ultra e Galaxy Note 9

Un ambiente molto completo

Sul lato software, sfruttiamo Android 10 e l’interfaccia One UI 2.5. Nessuna grande sorpresa da questo lato, il duo funziona ancora meravigliosamente. Un’interfaccia utente ti consente di configurare il tuo ambiente in tutte le direzioni, offrendo una moltitudine di informazioni sullo stato di salute del dispositivo. La sovrapposizione ovviamente permette di configurare la S Pen: è ad esempio possibile utilizzare il piccolo pulsante laterale per lanciare una specifica applicazione, piuttosto che aprire la fotocamera, o spegnere il telefono quando si preme esteso.

Il sistema offre anche una modalità di funzionamento con una sola mano e consente la regolazione dei controlli gestuali. Propone inoltre di ottimizzare la riproduzione dei video (una funzione non attivata di default), sia su Netflix che su YouTube. In breve, abbiamo un ambiente ultra ricco e infinitamente personalizzabile.

Per quanto riguarda l’assistente Bixby, è sempre presente. Non proprio user-friendly, non proprio efficiente, Samsung non sembra ancora pronta a lasciarsi andare. Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare nei prossimi mesi: il produttore sudcoreano potrebbe abbandonare Bixby per rivolgersi a Google Assistant , come abbiamo accennato poche settimane fa sul sito.

Foto

Troviamo nella parte fotografica una configurazione finalmente molto vicina a quella dell’S20 Ultra. Beneficiamo quindi sempre di un sensore principale di 108 MP (apertura di 1.8). Se il sensore ToF D è scomparso per colpa di Apple, che ha travolto tutte le scorte, però, otteniamo uno zoom ottico leggermente più potente: si passa da x4 (S20 Ultra) a x5 (Note 20 Ultra). D’altra parte, non è più possibile ingrandire il digitale in x100, Samsung avendo capito che una tale messa a fuoco durante uno scatto non faceva rima con nulla e danneggiava l’immagine dei suoi smartphone. Questo tipo di zoom richiede una perfetta stabilità della fotocamera e una luminosità impeccabile … Queste condizioni sono estremamente complicate da soddisfare. Samsung ha quindi preferito tornare allo zoom digitale x50, e non ce ne lamenteremo.

In piena luce, lo smartphone offre scatti eccellenti, i livelli di contrasto e colorimetria sono davvero buoni. Si noti, tuttavia, che abbiamo dovuto disattivare più volte la modalità “ottimizzatore di scena” per mantenere i colori più naturali. Nella foto sotto, l’abbiamo lasciato lì e, come potete vedere, il cielo è davvero molto azzurro, le nuvole cotonose e il verde… molto molto verde. La disattivazione dell’ottimizzatore di scena ha risolto il problema con gli scatti che abbiamo fatto in seguito.

Lo zoom x5 svolge pienamente la sua funzione. Anche qui i toni sono belli, il contrasto e la luminosità sono equilibrati … C’è qualcosa da sedurre.

Con il Note 20 Ultra, Samsung sta anche dimostrando la sua piena padronanza delle riprese in condizioni di scarsa illuminazione. Se, a tal proposito, P30 Pro, Mate 30 Pro e P40 Pro restano il riferimento assoluto, Samsung sta migliorando l’elaborazione fotografica fornita ad ogni nuova iterazione dei suoi smartphone di fascia alta. L’S10 era già buono, il Note 10 ha migliorato le cose, poi l’S20 e il Note 20 hanno portato un notevole vantaggio nell’area delle riprese notturne.

Nella parte anteriore del dispositivo, il sensore selfie ha però perso in rendering, visto che si passa da 40 MP a 10 MP. Il livello di dettaglio dei volti si indebolisce, i colori sono finalmente abbastanza neutri (per non dire opachi), e arriviamo presto a rimpiangere l’S20 Ultra. Peccato che Samsung abbia scelto di ridurre i propri costi di produzione a discapito del sensore frontale.

- Advertisement -

SUMMARY

Se l'S20 Ultra 5G rilasciato all'inizio di quest'anno ci aveva sedotto su molti punti, ci aveva comunque deluso su altri. Con il Note 20 Ultra 5G, Samsung corregge la situazione e offre un dispositivo con un design super pulito e prestazioni eccellenti (anche se avremmo preferito uno Snapdragon 865 per una potenza ancora maggiore). Non viene tralasciata la parte fotografica, lo zoom ottico x5 e la modalità notturna costituiscono i due punti di forza del dispositivo. Tuttavia, il prezzo, come l'S20 Ultra sopra menzionato, è un freno alla sua adozione. Se Samsung vuole davvero affrontare il mercato dei giochi, come suggerisce la partnership di Microsoft con xCloud, dovrà fare uno sforzo e rivedere la sua fascia di prezzo.
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,063FansLike
25FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

Xbox Series X: la nuova interfaccia è già disponibile … su Xbox One

La Xbox Series X e la sua sorellina Xbox Series S saranno presto rilasciate sul mercato. Logicamente offriranno un'interfaccia nuova di zecca, più fluida e...

PS5: Sony non spierà le conversazioni dei giocatori, beh, non sempre

A margine dell'implementazione del firmware versione 8.0 per PlayStation 4, Sony ha sollevato il velo su una nuova funzionalità di moderazione su PS5 . Questa...

Dì addio agli SSD Intel, il marchio si sta decisamente ritirando dal mercato

Intel annuncia in un comunicato stampa la vendita della sua attività SSD alla sudcoreana SK Hynix. L'accordo riguarda lo stabilimento di produzione di...

Amnesia: A Machine for Pigs e Kingdom New Lands sono gratuiti su Epic Games Store questa settimana

Epic Games Store sta tornando con ancora più omaggi questa settimana e questa volta sono due giochi, Amnesia: A Machine for Pigs e Kingdom New...

Il Google Play Store rimuove il menu “hamburger”

Il Play Store migliora nel tempo e un futuro aggiornamento cambierà alcune cose. Una modifica interesserà i menu, poiché il pulsante a loro...