Home News Fortnite: Apple risponde e chiede i danni a Epic Games

Fortnite: Apple risponde e chiede i danni a Epic Games

- Advertisement -

È la guerra dei grandi soldi tra Apple ed Epic Games. L’ideatore di Fortnite accusa l’azienda di Cupertino di non lasciare ai creatori delle applicazioni la scelta del sistema di pagamento e di sequestrare il 30% degli introiti realizzati dal lavoro dei suoi team. Apple ritiene che la commissione sia la giusta remunerazione per il servizio reso a Epic che può monetizzare i suoi giochi con i giocatori iOS.

Volendo integrare un sistema di pagamento alternativo che scavalchi quello di Apple, l’azienda di Cupertino ha subito reagito bandendo l’applicazione dall’App Store (si noti che Google ha fatto la stessa scelta sul Play Store). Epic ha portato la questione in tribunale, ritenendo che Apple stia violando i suoi diritti. Quest’ultimo ha contrattaccato minacciando di eliminare l’account sviluppatore di Epic Games , il che significa che i giochi di Epic e tutti i giochi sviluppati con Unreal Engine avrebbero seguito lo stesso percorso di Fortnite.

Apple colpisce ancora in tribunale

Fortunatamente, la giustizia americana ha impedito ad Apple di arrivarci . Sì, Epic non può più sviluppare nuove app o aggiornare quelle vecchie. No, i creatori di giochi di Unreal Engine non saranno penalizzati. Così tante idee non piacciono a Tim Sweeney, il capo di Epic. Ha preso la lotta ai social network (con il suo torneo anti-Apple) e agli sviluppatori. Ciò mina l’immagine del marchio del creatore dell’iPhone che ha deciso di contrattaccare in tribunale.

Apprendiamo che Apple ha presentato una denuncia contro Epic Games al tribunale della California. Secondo lei, il tentativo di integrare un sistema di pagamento alternativo in Fortnite è una violazione abusiva del contratto. Nella dichiarazione presentata al giudice, Apple afferma che Tim Sweeney, molto soddisfatto dell’App Store quando si è trattato di reclutare giocatori su iOS, era a conoscenza delle condizioni di accesso allo store delle applicazioni.

Apple aggiunge che dietro l’immagine del difensore degli sviluppatori si nasconde un’azienda multimiliardaria che genera centinaia di milioni di dollari ogni anno con Fortnite. La volontà di Epic di integrare il proprio sistema di pagamento sarebbe quindi, secondo l’azienda, una semplice tattica economica per non pagare più un intermediario . Il che non è certamente sbagliato.

Epic ha guadagnato $ 600 milioni con Fortnite su iOS

L’azienda qualifica questo conflitto è solo un semplice disaccordo commerciale e non una crociata per la libera concorrenza sotto iOS. Alcune autorità di regolamentazione in Europa, Stati Uniti e Australia hanno, tuttavia, avviato indagini per verificare se esiste effettivamente un problema di abuso di posizione dominante. Ricordiamo anche che due anni fa, Apple ha affrontato Qualcomm in tribunale perché non voleva più pagare così tanto per i modem del fondatore. Questi ultimi avevano poi qualificato il loro confronto di “semplice disaccordo commerciale”. Ribaltamento divertente.

E non è tutto. Nella sua denuncia, Apple rivela una cifra molto interessante: l’importo generato da Epic Games con Fortnite da quando quest’ultimo era disponibile su App Store: 600 milioni di dollari . Non è specificato se questo è l’importo pagato da Apple a Epic o se è l’importo degli acquisti in-app. In un caso, i $ 600 milioni vanno nelle tasche di Epic. Nella seconda solo il 70% della somma va all’editore del gioco, ovvero 420 milioni di dollari dopo l’applicazione della tassa Apple.

Nel primo caso, l’azienda di Cupertino avrebbe ricevuto 257 milioni di dollari di commissioni sugli acquisti in-app da Fortnite. Nel secondo caso, l’azienda avrebbe guadagnato “solo” 180 milioni di dollari. Quindi Fornite sta facendo un sacco di soldi per Epic e Apple. “Costringendo” quest’ultimo a rimuovere Fornite dall’App Store con le sue “decisioni sbagliate”, Epic causerà quindi, secondo Apple, un deficit. E ovviamente, l’azienda chiede il risarcimento del danno . Non manca di brio!

Nota che Fortnite è il primo gioco free-to-play in termini di entrate. Nel 2019 ha generato entrate per 1,8 miliardi di dollari su tutte le piattaforme.

- Advertisement -
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,060FansLike
16FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

iPhone 12: la presentazione del keynote sarebbe ben programmata per il 13 ottobre

L' ultimo keynote di Apple il 15 settembre ci ha lasciato un po 'affamati, e per una buona ragione: diversamente dal solito in questo periodo dell'anno, Apple...

Pixel 5: Google Japan ha fatto trapelare il prezzo dello smartphone ed è piuttosto rassicurante

Tutto è iniziato con un tweet di Google Japan, nel frattempo cancellato. Abbiamo potuto vedere in anteprima il design del Pixel 5 accompagnato dal prezzo...

Xbox Series X: la soluzione di archiviazione espandibile di Microsoft costerà $ 220

Sia Xbox Series X che Xbox Series S saranno dotati di SSD super veloci. La serie S si accontenterà di 512 GB mentre...

Windows XP: codice sorgente trapelato, milioni di PC in balia degli hacker

In questi giorni è circolato sul web un codice sorgente che sembra essere quello di Windows XP . Distribuito tramite il protocollo BitTorrent, è costituito da un ampio...

Xiaomi lancia un enorme mini TV 8K da 82 ″ già pronto per il 5G

Xiaomi è entrata a pieno titolo nel mondo dei televisori 8 com , ma non necessariamente molto brava tecnicamente. Con Mi TV Master Extreme, il produttore cinese...