sabato, Ottobre 24, 2020
Home News Google lancia le People Card in India: un biglietto da visita virtuale...

Google lancia le People Card in India: un biglietto da visita virtuale da visualizzare nelle ricerche

Reading Time: 2 minutes
- Advertisement -

In fase di test da due anni, le Google People Card sono state ufficialmente lanciate in India, e solo lì per il momento. Un nuovo modo per autopromozione online, dando a tutti l’opportunità di comparire nei risultati dei motori di ricerca.

La controparte digitale dei buoni vecchi biglietti da visita insomma, e che soprattutto permette ai propri utenti di controllare completamente quali informazioni sono allegate al proprio profilo online.

Google People Cards: biglietti da visita digitali reinventati

Digita il tuo nome su Google e guarda. A meno che tu non sia un luminare o abbia la tua pagina Wikipedia, è probabile che tutto ciò che trovi sarà limitato al tuo profilo Facebook, alcuni Tweet con il tuo nome sopra o l’elenco degli ex studenti della tua scuola. Informazioni sparse, non proprio tutte rilevanti, che non sempre permettono di mostrarsi nella sua migliore luce.

Questi sono proprio i problemi che Google cerca di risolvere con le People Cards. In India, ogni utente Internet può ora configurare la propria carta d’identità, che apparirà correttamente nelle SERP quando viene inserita una richiesta con il proprio nome.

Google si sta finalmente assicurando di dare più peso nella sua ricerca alle People Cards al fine di ridurre drasticamente il furto di identità. Per creare un profilo, devi prima connetterti a un account Google, inserire il tuo numero di telefono e completare una serie di campi prima del caricamento finale. Un team composto da persone e algoritmi sarà anche incaricato di controllare questi profili in modo che rispettino tutti i termini di utilizzo di Google.

Un primo servizio mobile

In India, un paese con 1,37 miliardi di abitanti, metà dei quali connessi, navighiamo in Internet tramite il cellulare, molto più che da un computer, secondo GlobalStats : il 67,32% degli utenti Internet utilizza solo il proprio cellulare per la navigazione, contro il 32,12% da computer (e lo 0,56% da tablet).

Questa scoperta ha indubbiamente motivato Google a rendere la configurazione delle sue People Card una funzionalità riservata ai cellulari.

People Card1
People Card1

Per implementare il suo profilo, solo gli utenti indiani devono digitare “  aggiungimi alla ricerca  ” (“  aggiungimi alla ricerca  ”) sull’applicazione Google per avviare il processo. Un’attività che può essere più lunga o più breve a seconda della quantità di informazioni che desideri includere nel tuo profilo. Sono richiesti solo la tua posizione, il nome, l’occupazione principale e una breve descrizione personale.

Un piccolo social network laterale che, a un anno dalla chiusura di Google+, potrebbe far sorridere. Ma l’egemonia di Google sulla ricerca in Internet dovrebbe questa volta garantire un successo più clamoroso.

- Advertisement -
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,063FansLike
27FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

Il fastidioso bug di Android 11 impedisce la visualizzazione a schermo intero

Come riporta PhoneArena , gli utenti di Android 11 riscontrano regolarmente un bug molto fastidioso con alcune applicazioni, in particolare i giochi . La barra di stato...

Apple Watch SE: l’orologio si surriscalda e brucia il polso di alcuni utenti

Come riferiscono i nostri colleghi di Apple Insider, 6 utenti sudcoreani di Apple Watch SE hanno notato grossi problemi di surriscaldamento nei giorni successivi all'acquisto. Secondo...

WhatsApp: la versione web consentirà presto chiamate audio e video su PC

Il sito WABetaInfo, specializzato nelle prossime novità WhatsApp, ha trovato nel codice dell'ultima beta dell'applicazione di messaggistica una nuova funzionalità che permette di effettuare...

Mozilla è preoccupato di essere un danno collaterale nel caso antitrust di Google

Ieri il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa antitrust contro Google, accusando il gigante della ricerca di pratiche monopolistiche per...

La tecnologia di ricarica wireless da 80 W di Xiaomi può caricare completamente una batteria da 4.000 mAh in soli 19 minuti

Xiaomi ha già dimostrato una soluzione di ricarica cablata rapida da 120 W e una soluzione di ricarica wireless rapida da 50 W per smartphone. Quest'ultimo può caricare...