martedì, Ottobre 27, 2020
Home Apple Apple lavorerebbe sul proprio motore di ricerca per sbarazzarsi di Google

Apple lavorerebbe sul proprio motore di ricerca per sbarazzarsi di Google

Reading Time: 2 minutes
- Advertisement -

Google paga miliardi di dollari ogni anno per essere il motore di ricerca predefinito sull’app web di Apple. Quando apri Safari, viene visualizzato Google, non un altro. Ma questa situazione potrebbe presto diventare storia. In ogni caso, alcuni indizi compilati da Coywolf suggeriscono che Apple stia attualmente lavorando al proprio motore di ricerca.

L’accordo tra Apple e Google è infatti nel mirino delle autorità britanniche di regolamentazione della concorrenza. Penalizzerebbe altri driver di mercato e potrebbe quindi diventare illegale. Per uscire da questa situazione, l’azienda di Cupertino potrebbe sbarazzarsi di Google e offrire una soluzione domestica.

Coywolf afferma che Apple sta attualmente cercando diversi ingegneri specializzati nei motori di ricerca. Inoltre, ci sono altre cose. Ad esempio, su iOS e iPad OS 14 in beta, il motore di ricerca di Apple nella barra dedicata ha la priorità su Google, cosa che prima non era.

Tutto ciò può sembrare decisioni aneddotiche, ma a ciò dobbiamo aggiungere l’evoluzione di Applebot, che ha subito un grande aggiornamento. Questo strumento ora esegue la scansione del Web e sarebbe in grado di creare risultati di ricerca se si vuole credere alla sua pagina di supporto. Inoltre, Coywolf specifica che il bot si è dimostrato molto più attivo di prima quando si tratta di scansionare i siti. Questo sta iniziando a fare molto.

Più sicurezza per gli utenti

Lanciando il proprio motore di ricerca, Apple potrebbe perdere i ricavi generati dalla partnership con Google. Tuttavia, questa partnership è solo una piccola parte del reddito del costruttore che potrebbe guadagnare molto di più offrendo una soluzione domestica.

Più che un semplice sostituto di Google, questo nuovo motore di ricerca potrebbe essere il cuore dell’ecosistema iOS e quindi adattarsi ad ogni utente e seguirlo da una macchina all’altra. Allo stesso modo, Apple potrebbe vantarsi di proteggere il più possibile i dati dei propri utenti. Il produttore ha infatti fatto della sicurezza una specialità e avere una soluzione interna sarebbe un argomento aggiuntivo nella sua comunicazione.

Ma come osserva Coywolf, un nuovo motore di Apple non sarebbe senza conseguenze SEO. Apple rappresenta ancora quasi un quarto del mercato mondiale in termini di mobilità secondo statcounter, i siti web dovranno adeguarsi per tenere conto di questo nuovo arrivato.

Apple ottiene l’indipendenza

Apple potrebbe anche creare il suo motore di ricerca per ottenere l’indipendenza. Una decisione ipotetica che ne ricorda un’altra: lo scorso giugno, durante la sua conferenza di apertura del WWDC, il brand di Cupertino ha annunciato di abbandonare i processori Intel per i suoi computer.

Invece, Apple progetterà i propri processori con architettura ARM . Un modo per controllare meglio i suoi prodotti e offrire qualcosa di unico ai suoi utenti. Voci di corridoio parlano dei primi computer con processore Apple presentati entro la fine dell’anno con una potenza equivalente ai modelli con processori Intel.

Se c’è un nuovo motore di ricerca dell’azienda della mela, non dovrebbe essere disponibile a breve, poiché il progetto sembra essere nelle sue fasi iniziali. E vi ricordiamo, tutto questo non è ufficiale per il momento, ma è solo un mucchio di indizi che lasciano intendere una manovra del genere da parte di Cupertino.

- Advertisement -
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,063FansLike
24FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

PS5: il controller DualSense funziona anche con smartphone Android

Ricordate le menzioni durante la presentazione della PS5 che indicavano che il controller DualSense sarebbe stato compatibile esclusivamente con la console ? Bene, sembra, secondo uno YouTuber,...

iPhone 12: l’assenza di cuffie nelle confezioni aumenta le vendite degli Airpods

L'iPhone 12 non ha le cuffie o un caricabatterie nella confezione . Apple vuole mettere l'ecologia realizzando scatole più piccole non includendo oggetti...

Galaxy Note20 series One UI 3 beta con registrazioni Android 11 ora aperte negli Stati Uniti

Samsung ha iniziato ad accettare applicazioni per il programma beta One UI 3 di Galaxy Note20 e Note20 Ultra negli Stati Uniti. La società aveva lanciato...

Facebook lancia giochi “lo streaming su cloud” per telefoni e PC Android ma evita iOS

Dopo che la scorsa settimana sono emerse notizie secondo cui Facebook sta lanciando un'app di gioco dedicata, l'azienda ha quasi mantenuto quella promessa. Oggi, Facebook ha lanciato una...

Windows 10 ora funziona al 100% sui Chromebook

I Chromebook sono macchine interessanti, più che sufficienti per eseguire semplici operazioni di automazione d'ufficio, navigazione web o persino visualizzazione di video. Tuttavia,...