Home News Amazon lancia Honeycode: crea applicazioni web e mobili senza codifica

Amazon lancia Honeycode: crea applicazioni web e mobili senza codifica

- Advertisement -

Disponibile in versione beta dal 24 giugno 2020, Honeycode sta inserendo Amazon nel mercato degli strumenti di sviluppo “senza codice “, tutt’altro che vergine. Questa è principalmente una risposta aziendale ai concorrenti di App Maker di Google o PowerApp di Microsoft. La piattaforma è integrata nella suite di strumenti Amazon Web Service (AWS) e si basa sul principio di WYSIWYG (Ciò che vedi è ciò che ottieni).

Questo approccio semplifica il trascinamento degli elementi dell’interfaccia nonché i blocchi di funzionalità per creare applicazioni Web e mobili che soddisfino esigenze specifiche. Progettato come prima intenzione per i professionisti, Honeycode mira ad essere uno strumento destinato ad accelerare il loro processo di creazione.

” Volevamo davvero estendere questo potere di AWS a tutti i settori che desideravano creare app personalizzate per fare le cose, ma non hanno le competenze per farlo ” , ha affermato Larry Augustin, Vicepresidente di Amazon Web Services. ” Ora, con Amazon Honeycode, quasi tutti possono creare potenti applicazioni Web e mobili personalizzate senza dover scrivere codice .”

Gratuito per applicazioni con un massimo di 20 utenti

Per quanto riguarda la gestione dei dati, Amazon ha pensato a una soluzione semplice e facile da usare ispirata ai fogli di calcolo. Honeycode ” utilizza un modello di foglio di calcolo che molti conoscono. Ciò ti consente di iniziare in pochi minuti ” , scrive l’azienda nel suo comunicato stampa. ” Se tu o i tuoi colleghi conoscete già i fogli di calcolo e le formule, sarete lieti di apprendere che quasi tutto ciò che conoscete si applica qui .”

Lo strumento è principalmente destinato ad essere utilizzato per applicazioni e siti Web all’interno di aziende, ma Honeycode consente anche di creare applicazioni destinate al pubblico. È gratuito creare applicazioni per un massimo di 20 utenti . Oltre a ciò, è previsto un addebito in base al numero di utenti e alle esigenze di archiviazione che utilizzano le infrastrutture AWS.

- Advertisement -
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,059FansLike
16FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

Il nuovo Microsoft Store per Xbox è ora disponibile per tutti

Il mese scorso, Microsoft ha iniziato a testare un nuovo Microsoft Store esperienza con Xbox Insider, che prometteva di essere più veloce e più facile...

VLC 3.3 per Android: una nuova interfaccia cambia tutto

La versione Android del lettore multimediale VLC viene rinnovata . L'applicazione, che arriva nella versione 3.3, si arricchisce di una barra di navigazione accessibile dalla schermata principale,...

Windows XP: codice sorgente trapelato, milioni di PC in balia degli hacker

In questi giorni è circolato sul web un codice sorgente che sembra essere quello di Windows XP . Distribuito tramite il protocollo BitTorrent, è costituito da un ampio...

HarmonyOS: Xiaomi rifiuta di utilizzare l’alternativa Android di Huawei

Si tratta di un rumor che circola in rete da qualche giorno e che ha costretto Xiaomi a smentirlo. No, il brand non...

OnePlus stuzzica la Warp Charge da 65W per OnePlus 8T

OnePlus ha confermato all'inizio di questa settimana che lancerà OnePlus 8T il 14 ottobre . In tipico stile OnePlus, prima del lancio del telefono, sta...