Home News G2A conferma di aver venduto chiavi di gioco rubate per anni

G2A conferma di aver venduto chiavi di gioco rubate per anni

- Advertisement -

In conformità con la promessa fatta lo scorso luglio, G2A si impegna quindi a compensare gli sviluppatori delle vittime fino a dieci volte il valore delle chiavi vendute sulla sua piattaforma.

Solo uno sviluppatore interessato … per ora?

Riavvolgiamo. L’estate scorsa, mentre il mercato era in subbuglio, G2A ha risposto allo sviluppatore Mike Rose ( No More Robots ) che se fossero state trovate prove sulla rivendita di chiavi presumibilmente rubate, la società avrebbe compensato la perdita che significava per gli sviluppatori. Una proposta sotto forma di scommessa, per un  mercato  accusato per anni di opacità riguardo all’origine delle licenze messe in vendita.

Ma G2A potrebbe non aspettarsi che uno sviluppatore accetti la sfida. Wube Software, lo studio dietro il titolo  Factorio , è riuscito a convincere G2A a condurre un audit interno al fine di far luce sull’origine delle chiavi del suo gioco.

Una scommessa che ha costretto G2A a pubblicare un messaggio sul suo blog oggi, sostenendo che non meno di 198 chiavi  Factorio  “  sono state vendute illegalmente sul sito  ”. In conformità con le sue promesse, Wube Software verrà compensato fino a dieci volte il valore delle 198 chiavi.

G2A non si scusa

Mentre la piattaforma è stata accusata per anni di vendere chiavi di gioco e denti e unghie rubati, l’insistenza di uno sviluppatore indipendente sarebbe stata sufficiente per G2A per trovare – finalmente – prove della appropriazione indebita che s ‘operare davanti ai suoi occhi.

Come abbiamo scritto sopra, solo Wube Software è oggi interessato dal risarcimento promesso da G2A. Non c’è nulla che suggerisca che la società stia attualmente studiando altri giochi. Gli sviluppatori sospetti devono rivolgersi all’azienda e convincerli, ancora una volta, a condurre un audit indipendente sul suo  mercato .

Anche nel suo nuovo post sul blog, G2A opta per una postura sorprendente. Non leggerai scuse agli sviluppatori. Nessun  mea culpa  per i giocatori che pensavano di poter supportare gli studi che amano con il loro acquisto.

“La frode fa male ai giocatori, fa male agli sviluppatori di giochi e alla fine fa male a G2A perché siamo costretti – come intermediari delle vendite – a coprire i costi della vendita  ”. Un discorso moralizzante che sarà probabilmente difficile da ingoiare per coloro che, per anni, denunciano le pratiche del G2A.

“  Da oggi compenseremo gli sviluppatori fino al valore delle chiavi vendute su G2A  ”, promette il sito, abbandonando infine l’idea di rimborsare dieci volte il valore delle chiavi. E per concludere “  se sono in grado di dimostrare di essere illegittimi  ”.

- Advertisement -
Daniel Akahttps://plus.google.com/106923473571641893009
Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.
3,059FansLike
16FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Altre news

Facebook minaccia di chiudere Facebook e Instagram in Europa

Una decina di giorni fa, la protezione dei dati Commissario, l'autorità irlandese responsabile per la protezione dei dati personali, ha emesso una nuova sentenza contro...

Google Maps aggiunge il livello COVID-19 per consentirti di visualizzare i dati critici in aree specifiche

Google ha annunciato oggi un nuovo livello in Maps che fornisce informazioni critiche sui casi di COVID-19 in una determinata area. L'obiettivo della nuova funzionalità...

Microsoft rilascerà una nuova versione con licenza perpetua di Office il prossimo anno

Tre anni fa a Ignite, Microsoft ha annunciato Office 2019 , la sua ultima versione di Office che può essere acquistata con licenza perpetua,...

WhatsApp consentirà presto agli utenti di collegare più dispositivi a un unico account

WhatsApp ha lavorato sul supporto multi-dispositivo per un po 'di tempo e sembra che la funzione possa finalmente essere implementata per gli utenti di WhatsApp in...

Emoji 13.1 introduce 217 nuovi personaggi emoji, in arrivo sui dispositivi nel 2021

Il consorzio Unicode ha finalizzato l'aggiornamento Emoji 13.1 che aggiunge un totale di 217 nuovi caratteri emoji all'elenco esistente. Sette di questi sono personaggi nuovi di zecca,...