L’UE prevede di introdurre una fattura di “diritto alla riparazione” per telefoni, tablet e laptop entro il 2021

0
europa eu ue
europa eu ue

L’UE ha adottato un nuovo piano d’azione per l’economia circolare come parte del raggiungimento dei suoi obiettivi di crescita sostenibile promessi nel Green Deal europeo . Tra le altre cose, il piano introduce un disegno di legge “diritto alla riparazione” che spingerà le aziende a creare prodotti che durano più a lungo e che possono essere facilmente riciclati o riparati. La Commissione europea spera che questa nuova norma riguarderà telefoni, tablet e laptop entro il 2021.

La legge sull’eco-design prescriverà un design ecologico per laptop, telefoni e tablet e stabilirà determinati standard tecnici in modo che siano costituiti da parti riparabili e sostituibili. Questa è essenzialmente un’estensione della legge sulla progettazione ecocompatibile che l’UE ha introdotto per la prima volta nell’ottobre dello scorso anno per gli elettrodomestici. La legge impone che le aziende forniscano parti di ricambio per i loro elettrodomestici per un massimo di 10 anni. Il disegno di legge “diritto alla riparazione” per smartphone e laptop non impone tale periodo di tempo, ma spinge per un design sostenibile.PUBBLICITÀ

Parlando con i giornalisti, il commissario europeo per l’ambiente Virginijus Sinkevičius ha affermato che “economia circolare” sarà il nuovo modello economico del continente. Ha inoltre sottolineato che senza questo modello economico, l’UE non sarà in grado di raggiungere il suo obiettivo di emissioni zero entro il 2050.

“Il modello di crescita lineare di ‘prendere, fare, usare scartare’ ha raggiunto i suoi limiti. Con la crescita della popolazione mondiale e dei consumi, questo modello lineare ci spinge sempre più vicino a una crisi delle risorse. L’unica strada da percorrere è quella di disaccoppiare la crescita economica dall’estrazione delle risorse primarie e dal loro impatto ambientale “.

Come notato dagli sviluppatori XDA , la fattura “diritto alla riparazione” include anche un “diritto all’aggiornamento del software obsoleto”. La legge non menziona il modo in cui le aziende devono implementarlo. Al momento, gli utenti non possono aggiornare il software del loro vecchio telefono Android mentre spediscono con un bootloader bloccato. Tuttavia, gli OEM possono implementare un aggiornamento software per sbloccare il bootloader dei loro dispositivi una volta raggiunta la fine della loro vita. Ciò consentirà quindi agli utenti di aggiornare manualmente il “software obsoleto” sui propri dispositivi, prolungando ulteriormente la sua durata.

Daniel Aka
Author: Daniel Aka

Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.

Lascia un commento

Please Login to comment