Se hai cercato Kodi utilizzando Google, avrai notato che il software di riproduzione multimediale è svanito dai risultati di ricerca.

L’esilio viene dopo una richiesta di rimozione DMCA da parte del servizio turco di televisione a pagamento Digiturk. Di proprietà di beIN Media Group, la richiesta di rimozione DMCA riguardava non solo il contenuto di un flusso piratato, ma anche l’uso di un logo protetto da copyright.

Come riportato da TorrentFreak , Digiturk si lamenta che: “Il contenuto violato è contenuto sportivo (flusso video illegale) marchiato e filigranato con il marchio / logo BEIN SPORTS HD”. La richiesta di rimozione fa riferimento a centinaia di URL, con collegamenti correlati a Kodi menzionati cinque volte.

Tra i 328 collegamenti sono inclusi non solo i plugin di Kodi, ma nella posizione 223, la pagina di download ufficiale di Kodi.

Va notato che mentre Google ha risposto alla richiesta rimuovendo i collegamenti dai risultati di ricerca, Kodi open source è del tutto legale. Il lettore multimediale VLC ha ceduto allo stesso destino, ma Google si è affrettato a rendersi conto del suo errore e ha revocato il divieto dell’elenco di ricerca. Ma per Kodi, il fango dell’essere associato alla pirateria sembra essere appiccicoso.

Keith Herrington di Kodi afferma:

È un peccato che le aziende di contenuti continuino a raggruppare noi e VLC insieme a servizi che chiaramente violano la legge sul copyright non solo fornendo flussi ai loro contenuti ma utilizzando il loro logo, ecc. E che Google non si preoccupa nemmeno di controllare o convalidare, ma semplicemente rimuovere. Sembra un modello molto ‘colpevole fino a prova innocente’ con cui non sono d’accordo.

AGGIORNAMENTO: Kodi è tornato nei risultati di ricerca di Google

Daniel Aka
Author: Daniel Aka

Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.

Lascia un commento

Please Login to comment