All’inizio del mese, una nave da crociera Diamond Princess, con 3.500 passeggeri ed equipaggio , sarebbe dovuta atterrare in Giappone dopo due settimane di viaggio. In questo spazio ristretto, più di 170 persone sono infette dal coronavirus. Poiché la barca è isolata in mare, messa in quarantena forzata per più di 10 giorni . E il governo giapponese, per paura di diffondere il virus, rifiuta di consentire alle 3.500 persone di sbarcare.

Al fine di fornire un mezzo di contatto tra passeggeri e servizi sanitari giapponesi, il Ministero della Salute del Giappone ha preso la decisione venerdì 14 febbraio di consegnare 2000 iPhone 6S . Il numero di cellulari non viene scelto a caso, poiché corrisponde a un’unità per cabina (passeggero o equipaggio). Le informazioni provengono dal blog giapponese Macotakara. Secondo quest’ultimo, i passeggeri dovranno restituire gli smartphone quando il problema sarà risolto e sbarcheranno dalla barca.

La versione giapponese di Line preinstallata

Questi iPhone sono gestiti dall’operatore Softbank e sono dotati di Line , una delle principali applicazioni social giapponesi. La foto che accompagna questo articolo illustra queste centinaia di smartphone. È stato pubblicato, insieme ad altre tre foto, sui social media da Masuda Jun, uno dei dirigenti di Line.

Lo scopo di questa operazione è offrire a tutti i passeggeri un mezzo di contatto diretto con i servizi sanitari giapponesi. Grazie a Line, ogni persona potrà beneficiare di una consultazione a distanza con un operatore sanitario e, se necessario, ottenere farmaci. I passeggeri non sono stati in grado di installare da soli la versione necessaria dell’applicazione per contattare un medico, poiché l’accesso agli app store dell’App Store e del Play Store è suddiviso in zone.

Daniel Aka
Author: Daniel Aka

Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.

Lascia un commento

Please Login to comment