Apple consentirà finalmente all’utente di scegliere le app predefinite su iOS, è una rivoluzione

0
Safari vs Chrome
Safari vs Chrome

Google e Microsoft sono stati ispirati da iOS, in particolare per progettare la loro interfaccia utente in modo che sia facile da usare da un touchscreen. Ad esempio, hanno anche adattato alcune buone idee di Apple riguardo all’assistente personale (arrivando persino a superare la compagnia di Cupertino). Ma è anche vero il contrario: iOS ha ampiamente sfruttato la concorrenza per migliorare. E soprattutto per fare un esempio per aprire un po ‘alla concorrenza, consentendo agli utenti di scegliere il motore di ricerca predefinito in Safari .

E quello dovrebbe essere il caso presto. Secondo un articolo dell’agenzia di stampa economica Bloomberg, Apple prenderebbe in considerazione l’idea di lasciare un po ‘più spazio alla concorrenza all’interno di iOS e del suo oratore Homepod. Innanzitutto, sul lato iOS: Apple potrebbe consentire all’utente di scegliere alcune delle sue applicazioni predefinite . Che è in circolazione da molto tempo su Windows, Android e persino macOS. Nota che Apple.

Presto puoi sostituire Safari e Mail!

Saranno interessate due applicazioni: il browser Web e il client di posta elettronica . Safari e Mail potrebbero quindi perdere il loro stato di applicazione predefinito. Una vera rivoluzione è in corso. Se l’utente sceglie un’applicazione di terze parti, come Chrome e Gmail, come applicazioni predefinite, Safari e Mail non si apriranno più automaticamente. Nota che oggi, se hai eliminato Mail dal tuo iPhone, rimarrà comunque l’applicazione predefinita.

A fianco di Homepod, Bloomberg afferma che Apple potrebbe consentire agli utenti di scegliere l’applicazione musicale . Oggi, solo Apple Music è accessibile dall’altoparlante collegato. Domani, Spotify (per non nominarlo) potrebbe essere autorizzato a lavorare con il prodotto. Ovviamente, l’apertura delle impostazioni alla concorrenza rappresenta un rischio. Tuttavia, secondo la fonte di questa fuga, la società di Cupertino vorrebbe evitare, come Google o Microsoft, un reclamo per pratiche anticoncorrenziali.

Daniel Aka
Author: Daniel Aka

Amante della tecnologia e amministrazione e creatore del sito. Con la passione della tecnologia e deciso nell'informare ogni genere di persona.

Lascia un commento

Please Login to comment